Lasciare il coronavirus fuori casa: 5 consigli di pulizia

Pulizie di primavera

Anche se l’ultimo dpcm con le disposizioni nazionali per contenere i contagi da nuovo coronavirus invita tutti gli italiani a evitare ogni spostamento non necessario, ci sono comunque alcune persone che devono uscire di casa. Chi lo fa tutti i giorni, perché si deve recare sul posto di lavoro per svolgere le proprie mansioni professionali e non può attivare lo smart working. Chi invece esce sporadicamente per motivi di salute oppure per comprare i beni di prima necessità. Comunque sia, a meno che non sia disposta la quarantena, le persone, pur limitandosi ed evitando i contatti interpersonali se hanno un senso civico che possa definirsi tale, escono ancora di casa. Che consigli di pulizia seguire? Come eliminare germi e batteri? Come lasciare fuori dalla soglia di casa il coronavirus? Seguendo alcuni accorgimenti.

  1. Attenzione alle norme di igiene personale.

In una situazione di emergenza sanitaria come quella presente, è bene ricordare le norme igieniche che da settimane il Ministero della Salute invita a seguire. Quando si rientra da casa, la prima cosa da fare è lavarsi accuratamente le mani. Se non lo si è ancora fatto è meglio evitare di toccare le superfici della casa, avere contatti fisici con i propri familiari, toccarsi occhi, naso o bocca. Non si tratta di consigli di pulizia scontati. Il lavaggio delle mani non deve essere una operazione sbrigativa: bisogna insaponare bene, strofinare, risciacquare e asciugarle bene. Evitate di starnutire o tossire in casa senza coprirvi con un fazzoletto usa e getta o nell’incavo del vostro gomito. Non lesinate sulle docce, soprattutto se avete usato i mezzi pubblici: anche i capelli potrebbero essere entrati in contatto con superfici non pulite.

  1. Lasciate le scarpe fuori casa.

Per evitare di introdurre negli ambienti protetti della casa elementi patogeni, toglietevi le scarpe prima di entrare e se possibile lasciatele fuori dalla soglia. Se non potete farlo, tenetele vicino alla porta di casa e non portatele in altre stanze della casa.

  1. Pulite e disinfettate tutte le superfici ed areate le stanze.

Buona norma generica, ora necessità inderogabile. Per effettuare le operazioni di pulizia indossate dei guanti. Se sono riutilizzabili usateli solo per questo scopo. Prima pulite le superfici, così da rimuovere germi e batteri, poi disinfettatele per ucciderli.  Prediligete prodotti composti al 70% da alcol oppure contenenti candeggina. Prestate particolare attenzione a bagno e cucina ma non trascurate nessuna superficie, come tavoli, scrivanie, interruttori della luce. Ricordatevi di areare le stanze con una certa regolarità. Fate circolare l’aria soprattutto nelle stanze in cui si trovano più persone.

  1. Igienizzate smartphone e device.

Uno dei consigli di pulizia più importanti e da non trascurare. Il cellulare è un vero e proprio impero di germi e batteri. Lo appoggiamo dappertutto. Pensiamo a lavarci le mani ma spesso non a pulire i dispositivi elettronici che portiamo sempre con noi. Per igienizzarli è sufficiente passare sulle loro superfici un panno inumidito con acqua e sapone, oppure per una pulizia più profonda un mix di acqua e alcol. Meglio in questo caso alcol denaturato al 70%.

  1. Lavate con maggiore frequenza abiti e biancheria.

Anche sui nostri vestiti si annidano batteri e germi. Dopotutto, ci sediamo sui mezzi pubblici, appoggiamo le braccia su scrivanie e tavoli usati da più persone. Appena entrati in casa, cambiatevi e indossate indumenti puliti da tenere solo in casa. È meglio utilizzare disinfettanti per lavare i vostri vestiti. Ricordate inoltre di utilizzare acqua a temperature elevate.

Micol Burighel

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here