Caregiver, invecchiamento e società: il focus oggi e domani a Bologna

2

Chi sono i figli caregiver e cosa chiedono per i propri genitori anziani? I gestori, le istituzioni e le aziende sono pronti? Se ne parla oggi e domani a Bologna nell’ambito del Forum della Non autosufficienza (e dell’autonomia possibile), in occasione di due incontri di cui sarà protagonista la startup VillageCare: al Centro Congressi Savoia Hotel, via del Pilastro 2 si parlerà di “Innovazione digitale, comunicazione e web marketing nei servizi alla persona” (oggi alle 14,30), workshop organizzato Ansdipp (Associazione Nazionale dei Manager del Sociale e Sociosanitario), e di Spazio Caregiver (domani alle 14,30), l’incontro organizzato dalla Mutua sanitaria Cesare Pozzo.

Clicca qui per leggere il nostro approfondimento su VillageCare

Il termine “caregiver familiare” si riferisce a chi volontariamente e in modo gratuito viene in aiuto di un proprio familiare o di una persona amica non in grado di prendersi cura di sé perché malata o
disabile e, in Italia, le ultime stime riportano che i caregiver siano 7.293.000 di cui 2.146.000 con
un impegno settimanale superiore alle 20 ore. Dopo il Giappone, l’Italia è il Paese più vecchio del mondo: 168,7 anziani ogni 100 giovani e una speranza di vita alla nascita che si attesta a 80,6 anni per gli uomini e 84,9 per le donne.

Secondo le stime presentate dall’Istat nell’ultimo report annuale, aggiornato a gennaio 2018, nel
2016 le persone con più di 65 anni erano 13,5 milioni, ovvero il 22,3% della popolazione totale;
quelle over 80 anni erano 4,1 milioni ossia il 6.8%; gli ultranovantenni 727.000, ovvero l’1,2% del
totale. Per quanto riguarda i caregiver familiari, sono oltre 8 milioni coloro che si prendono cura
direttamente di un proprio caro bisognoso di cure e assistenza. Di questi, 4 milioni sono dedicati
alla non autosufficienza. Un ruolo, non regolamentato dalla legge, ricoperto per oltre il 75% da
donne in età compresa tra i 40 e i 55 anni che si fanno carico di tutto, dagli aspetti organizzativi a
quelli assistenziali, burocratici e psicologici con riflessi sulla propria salute, sul lavoro e sulle
relazioni sociali.

«VillageCare mette da sempre al centro la figura dei “caregiver familiari”, un esercito silenzioso che
ogni giorno si divide tra cura dei propri cari, figli e lavoro – sottolinea Silvia Turzio, Ceo e
cofondatrice di VillageCare, startup che proprio in questi giorni è stata selezionata alla #CallForGrowth_Smart Aging di Cariplo Factory – Solo di recente i caregiver sono oggetto di attenzione a livello istituzionale, ma c’è ancora tanta strada da fare. Per questo motivo abbiamo accolto positivamente l’invito della Mutua sanitaria Cesare Pozzo per affrontare insieme un tema così delicato e importante». 

Il workshop si rivolge alle associazioni professionali e di volontariato e agli operatori dei servizi che più frequentemente incontrano caregiver familiari: assistenti sociali, operatori socio-sanitari, psicologici, educatori professionali che operano nell’ambito della disabilità e della non autosufficienza.

VillageCare parla di caregiver anche oggi, insieme a UGO, nel corso del workshop “Genitori Anziani Fragili: come prendersene cura?”, che si svolge a Milano (spazio TIM, in via Magolfa 8).

Clicca qui per maggiori informazioni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here