Capelli in ordine: come farsi la tinta da sole a casa

L’emergenza coronavirus prosegue: gli italiani continuano a rispettare l’isolamento sociale e molte attività commerciali rimangono chiuse. Tra queste, i parrucchieri. Come fare per mantenere la propria chioma in ordine in questo periodo? E soprattutto, per fare o ritoccare la tinta senza danni irreparabili? Se non siete ancora pronte per passare allo stile sale e pepe, vi basterà seguire alcuni accorgimenti per farvi la tinta da sole a casa e ottenere un risultato soddisfacente.

Rimanere umili

Primo consiglio spassionato: se è la prima volta che vi cimentate in autonomia nel rituale della tinta, è saggio non esagerare e rimanere umili. Non siete un hair stylist di decennale esperienza: non impegnatevi in procedure complicate come shatush e simili. Giocare con i riflessi, con le luci e le ombre è pane per i professionisti. Allo stesso modo, durante una prima esperienza di fai-da-te potrebbe essere più accorto evitare un cambio drastico di colore, con le incognite che comporta. Anche questo si potrà rimandare al dopo isolamento: i consigli di un professionista potranno essere preziosi per indirizzarvi verso il colore e la tonalità più indicati per il vostro incarnato.

Scegliere bene il prodotto

Chi ben comincia è già a metà dell’opera. Il momento della scelta del colore è fondamentale. Se siete già tinte e volete mantenere il vostro colore, scegliete il prodotto che vi sembra più simile al vostro, ma non sottovalutate anche la tonalità (ad esempio cenere, dorato, ramato, verde, ecc…). La tonalità andrebbe scelta in base al proprio incarnato e al sottotono della pelle: chi è olivastra e ha colori mediterranei deve prediligere sfumature rosse o ramate, chi invece ha un sottotono freddo è meglio opti per una colorazione con riflessi più freddi.

Se invece avete deciso di cambiare colore, tenete ben presente che è molto più semplice scurire i capelli rispetto a schiarirli. Quest’ultima pratica è più complicata e operosa e va fatta in maniera graduale. Inoltre, è sempre meglio scegliere prodotti per la colorazione che siano uno o due toni più chiari o più scuri rispetto al proprio colore naturale. Il cambiamento sarà così graduale e se non dovesse convincervi ci sarà modo di porvi rimedio. Naturalmente, qualora aveste comunque deciso di osare con un nuovo colore, potrete sempre fare una piccola prova: prendete una ciocca vicino all’orecchio, che sarà più facile da nascondere in seguito, e passateci sopra la colorazione. Aspettate 20 minuti e risciacquate: così potrete avere un’idea di come la tinta risulterà sulla vostra chioma.

Attenzione all’INCI

Infine, per scegliere bene la tinta è necessario anche considerarne la composizione e fare attenzione al suo INCI (qui la spiegazione di cosa sia). Oggi è possibile trovare sul mercato una vasta scelta di prodotti per la colorazione senza ammoniaca e composti soprattutto da sostanze naturali. La scelta è vostra: se avete la cute sensibile o siete particolarmente attente alle sorti ecologiche del pianeta, vi consigliamo di dedicare qualche minuto in più alla lettura degli ingredienti della tinta.

Difendete la pelle, i vestiti, le superfici della casa

Importantissimo prima di iniziare ad applicare la tinta sui capelli è verificare che il prodotto non scateni una reazione allergica. Testatelo perciò prima di iniziare: basterà una piccola applicazione sul polso per verificare che la cute non reagisca arrossandosi alla colorazione. Va ricordato che la tinta ha un alto potere colorante: la pelle intorno ai capelli, i vestiti e anche le superfici della casa rischiano di rimanere macchiati se non si presta attenzione durante la colorazione.

Innanzitutto, proteggete la vostra pelle: prendete la crema più ricca e grassa che avete in casa ­– va bene anche la vaselina – e spalmatela con cura su fronte, collo, orecchie, ogni centimetro di pelle che potrebbe venire in contatto con il prodotto durante l’applicazione del colore. Per fare la tinta da sole a casa indossate una vecchia maglietta, vestito o camicia che non mettete più o che avete intenzione di buttare. Inoltre mettete sulle gambe e sulla superficie su cui vi appoggerete per lavorare degli asciugamani vecchi e usurati: vi serviranno per evitare che il prodotto possa macchiare le superfici. Non dimenticate infine di indossare i guanti monouso che troverete nella confezione del prodotto.

E infine si tinge

Gli strumenti che vi servono per fare la tinta da sole a casa sono un pettine, un pennello dalle setole corte, spesse e rigide, un ciotolino in cui mettere la tinta, i guanti e soprattutto un dispositivo per tenere d’occhio il tempo (cellulare, orologio, timer da cucina).

Che vogliate fare solo un ritocco per coprire la ricrescita oppure abbiate deciso di tingervi tutta la chioma, la regola principale rimane la stessa: seguite con attenzione le indicazioni della tinta acquistata. Questa vale soprattutto per il tempo di posa. Se si lascia la tintura troppo a lungo si rischia di avere un effetto troppo carico. Se la si lascia troppo poco il risultato sarà sbiadito e poco soddisfacente.

Alcune tinte prevedono step diversi se si vuole solo aggiustare la ricrescita: affidatevi al foglietto delle istruzioni. La stragrande maggioranza delle volte, per ritoccare il colore è sufficiente distribuire la tinta sulla radice e sulla ricrescita, evitando di sconfinare sui capelli ancora colorati per evitare che la sovrapposizione dia vita a un colore diverso e troppo carico. Se invece dovete colorare tutta la chioma, cercate di gestire bene la quantità di colore da mettere su radici e lunghezze.

Lavorate con metodo e ordine

Per farsi la tinta da sole a casa ed essere soddisfatte dal risultato è importante stendere il colore in maniera uniforme, senza saltare alcuna ciocca. Non dimenticate la zona delle tempie, quella intorno alle orecchie e fate anche attenzione alle radici dei capelli sulla nuca. Per lavorare in maniera funzionale e ordinata, vi consigliamo di iniziare dal davanti.

Raccogliete inizialmente i capelli dietro con un mollettone o un elastico per poter lavorare con le ciocche davanti più agevolmente. Aiutandovi con un pettine a denti sottili, dividete in piccole sezioni i capelli, con movimenti che vanno dalla fronte al centro della testa, mettendo a nudo le radici e passandoci la tinta. Lavorate con ordine: partite dal centro della testa, dedicatevi prima a un lato e poi all’altro, per essere sicure di non aver saltato alcuna ciocca.

Passate poi alla zona posteriore e alla nuca. Anche qui dividete le ciocche per sezioni, andando però in orizzontale, da orecchio a orecchio. Mettete il colore sulle radici e se state facendo un semplice ritocco non stendetelo troppo. Per avere un esempio pratico di questa operazione, che non è semplicissima, su YouTube si trovano numerosi video che mostrano come fare.

Micol Burighel

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here