fbpx

Cannabis light: il consumatore medio è un over 50

Spuntano come funghi nei quartieri di ogni città. Stiamo parlando dei canapa shop, i punti vendita dedicati al commercio di cannabis light, la variante senza principio psicoattivo della più conosciuta marijuana.

Il mercato della cannabis light sta vivendo un vero e proprio boom in Italia, tanto che la vendita di prodotti contenenti questa particolare variante di canapa (dalle tisane, ai cosmetici, passando per prodotti alimentari come pasta e biscotti, e alle infiorescenze vere e proprie, che vengono vendute a scopo collezionistico) è in continua ascesa.

Perché piace

La cannabis light piace perché a detta di molti rilassa ma non sconvolge, e sorpresa delle sorprese, a diversi mesi dal suo commercio i dati di acquisto rivelano che una buona fetta dei consumatori di questi nuovi prodotti green appartiene alla fascia degli over 50.

In una recente intervista a un impresario pisano, titolare di uno storico grow shop, il Canalife 14, è emerso che la maggior parte dei suoi clienti sono ultrasessantenni o persone di mezza età che utilizzano la cannabis light per scopi terapeutici o per calmare i nervi prima di coricarsi. Un dato che viene confermato anche da un recente sondaggio nelle città di Bologna, Roma e Milano: qui diversi canapa store hanno attivato un servizio di consegna a domicilio attivo dal primo pomeriggio alla mezzanotte. Anche qui i dati confermano una massiccia presenza di over 50 tra gli utilizzatori del servizio.

Le differenze con il prodotto illegale

Ma in che cosa differiscono i due tipi di cannabis di preciso? La marijuana ha un elevato contenuto di Thc (tetraidrocannabinolo, principio psicoattivo che ha effetti psicotropi) mentre la canapa light ne possiede una quantità inferiore allo 0,6 per cento; una percentuale consentita dalla legge che non provoca nessuno degli effetti euforizzanti ricercati da chi la cannabis la consuma per scopi ricreativi. Al contrario, la cosiddetta erba legale ha un’alta concentrazione di cannabidiolo (Cbd): è il principio attivo della cannabis che non ha effetti psicoattivi ma ben sì sedativi e rilassanti.

Gli over 50 sembrano apprezzare molto i prodotti a base di Cbd, tanto che questo viene venduto anche sotto forma di gocce. Si possono assumere per via orale per velocizzarne gli effetti che, come anticipato, sono si rilassanti, ma anche anticonvulsivanti, antidistonici, antiossidanti, antinfiammatori. Il Cbd è un buon alleato per favorire il sonno e distendere i nervi contrastando così lievi stati di ansia o panico. Il cannabidiolo si è inoltre rivelato efficace nel ridurre la pressione endoculare mostrandosi utile nel trattamento o nella prevenzione di patologie come il glaucoma.

Ovviamente molte di queste proprietà sono enfatizzate a fini commerciali, il Cbd non è la panacea in grado di curare tutti i mali, ma bensì un buon coadiuvante naturale con cui contrastare in maniera leggera determinate patologie.

Risvolti sull’agricoltura italiana

Un altro dato da non sottovalutare è l’effetto positivo che la commercializzazione e la coltivazione di cannabis light sta avendo sull’agricoltura italiana. Stando ai dati forniti da Coldiretti, nel giro di 5 anni, dal 2013 al 2018, si è passati da 400 a quasi 4 mila ettari di terreno utilizzato per la coltivazione di canapa.

E rifacendosi sempre ai dati forniti dall’associazione (consultabili sul sito ufficiale di Coldiretti) risultano centinaia le nuove aziende agricole che nel 2018 hanno avviato la coltivazione di canapa su tutto il territorio nazionale; dalla Puglia al Piemonte, dal Veneto alla Basilicata, passando per Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Sicilia e Sardegna. Insomma, quello a cui stiamo assistendo è un vero e proprio cannabis boom.

Andrea Carozzi

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!