Oltre 5 milioni di euro per il rifinanziamento del bonus badanti e baby sitter. È questa la cifra stanziata dalla Giunta regionale della Liguria su proposta dell’assessore alle politiche sociali Ilaria Cavo.

La misura prevede lo stanziamento di 5,16 milioni di euro derivanti dal fondo sociale europeo (FSE) di cui 3,2 milioni dedicati al bonus badanti e 1,9 milioni al bonus baby – sitter. Di fronte all’alto numero di lavoratori e lavoratrici in difficoltà per la crisi economica e per la necessità di conciliare il lavoro con l’accudimento dei genitori anziani o dei figli, la Giunta regionale ligure ha rifinanziato, potenziandole, due misure a sostegno delle famiglie.

Bonus badanti e baby sitter: una misura di sostegno alle famiglie in difficoltà

“Si tratta di una misura importante per chi si trova a dover accudire persone non autosufficienti, anziani o diversamente abili o minori fino ai 14 anni in un momento di difficoltà dovuta all’emergenza pandemica ed economica – spiegano il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore regionale alle politiche sociali Ilaria Cavo – Un momento particolarmente difficile di fronte al quale abbiamo deciso di reiterare, rafforzandole, alcune misure già decise in passato da questa giunta, in modo da garantire alle persone non autosufficienti di poter aver assistenza personale al domicilio, e alla chi si trova ad accudirle una maggiore qualità della vita. Una misura che, ci auguriamo, possa venire incontro soprattutto alla conciliazione vita lavoro delle donne, le più colpite a livello occupazionale dagli effetti della pandemia”.

Come fare domanda?

Le domande possono essere presentate a partire da lunedì 15 marzo e fino al 30 settembre attraverso il sito di Filse (www.filse.it), fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Le famiglie che richiedono il bonus badanti o baby sitter, al momento della presentazione delle domande, dovranno essere residenti in Liguria, avere un ISEE fino a 35.000 euro e un contratto di assunzione regolare di badanti o baby sitter. Il bando prevede il riconoscimento di un bonus pari ad Euro 350 mensili (per 12 mesi) per l’assunzione di baby sitter ed un bonus di Euro 500 mensili (per 12 mesi) per l’assunzione di badante purché il richiedente non sia beneficiario del Fondo Regionale per la non autosufficienza. In caso sia percepito tale fondo, il bonus è ridotto a Euro 150 mensili.

Per il bonus baby sitter potranno presentare la domanda i genitori di bambini e ragazzi fino a 14 anni o fino ai 18, se disabili. Il bonus badanti è rivolto a persone adulte e anziane disabili o non autosufficienti che provvedono alle proprie necessità avvalendosi dell’assistenza di un badante assunto dagli stessi, da un parente o affine, entro il terzo grado o da un amministratore di sostegno.

 

NON PERDERTI I NOSTRI ARTICOLI!

Per entrare a far parte della nostra community e rimanere aggiornato, iscriviti alla newsletter di Altraetà! Clicca il link qui sotto, inserisci nome, cognome e email, accetta la Privacy Policy e seleziona “Iscriviti alla nostra newsletter”. Una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50! È gratis, comodo e veloce. E in ogni momento puoi scegliere di disiscriverti! CLICCA QUI

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here