fbpx

Bellezza: le 4 novità nei trattamenti estetici

Quando madre natura va in pensione, esistono comunque dell soluzioni per mantenere intatta la bellezza. C’è chi opta per la liposuzione, chi per la criolipolisi, ma la vera grande novità del 2017 sono delle punturine che sciolgono il grasso. I dati dell’american Society for Aesthetic Plastic Surgery(Asaps) hanno dimostrato, come, i protagonisti della chirurgia estetica…

Quando madre natura va in pensione, esistono comunque dell soluzioni per mantenere intatta la bellezza.
C’è chi opta per la liposuzione, chi per la criolipolisi, ma la vera grande novità del 2017 sono delle punturine che sciolgono il grasso.

I dati dell’american Society for Aesthetic Plastic Surgery(Asaps) hanno dimostrato, come, i protagonisti della chirurgia estetica sono i trattamenti per combattere l’adipe in eccesso.

Per rimuovere il grasso in eccesso molte sono le persone che optano per la liposuzione, ossia l’asportazione chirurgica del grasso in eccesso, per questo tipo di intervento, però, è bene affidarsi in mani sicure, trattandosi di un’operazione a tutti gli effetti.

Per questo motivo molti pazienti optano per alternative meno invasive, che permettano di evitare tutti gli annessi e connessi di un’operazione.

Secondo i dati Asaps, nel 2016 i trattamenti di chirurgia plastica per combattere il grasso sono stati richiestissimi. Negli USA l’intervento più eseguito è la liposuzione, seguito dall’aumento chirurgico della taglia del seno, seguito dall’addominoplastica, ossia la rimozione chirurgica della “pancetta”. In aumento, invece, è la pratica del Fat Grafting, ossia il trasferimento di grasso durante il quale viene aspirato il grasso del paziente e poi reiniettato in determinate zone, come seno e glutei.

Sono altresì cresciuti i trattamenti non chirurgici per rimodellare il corpo e continueranno a crescere viste le novità che caratterizzano questo segmento di mercato.

Le soluzioni di medicina estetica per rimuovere l’adipe in eccesso sono diverse.

Una delle più efficaci è la criolipolisi, che funziona applicando una fonte di freddo per circa 40 minuti sulla zona da trattare. Questo determina un surgelamento degli adipociti che poi vanno incontro a “morte”. Questo trattamento, per ottenere un risultato buono e definitivo, necessita di più sedute, da tener presente che non può essere effettuata in caso di pelle in eccesso. Le zone più trattate sono le cosiddette maniglie dell’amore, addome e culotte de cheval.

Un’altra alternativa è l’endolift, un trattamento leggermente più invasivo della criolipolisi in quanto prevede l’inserimento di una micro sonda. L’endolift permette il trattamento di aree con meno grasso e offre vantaggi anche alla pelle in eccesso, che si retrae grazie al riscaldamento.

Per quanto riguarda le ultime novità della medicina estetica, una delle più importanti è Bellkyra, un farmaco che permette con una punturina di eliminare il doppio mento. Approvato dall’Fda e già utilizzato negli Stati Uniti e sarà disponibile a maggio in Italia.

Per combattere gli inestetismi causati dalla cellulite, è stata recentemente creata Cellfina, un’apparecchiatura che consente di fare quello che prima era eseguito manualmente con gli “aghi di Nokor”. Questo tipo di trattamento è efficace per contrastare i “buchi” della celllulite”.

(Redazione)

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!