Arte e cultura: la chiave per vivere più a lungo?

Al giorno d’oggi, è ormai assodato che i fattori che portano a vivere più a lungo sono la genetica e l’ambiente, oltre a stili di vita sani e salutari. Ma una recente ricerca britannica rivela che anche l’arte e la cultura sono strettamente legate alla longevità. Lo studio è stato pubblicato sul numero di Natale del British Medical Journal (BMJ) ed è firmato dai ricercatori dell’University College London (UCL).

Vita più lunga grazie a teatro e mostre

Andare a teatro, visitare una galleria d’arte, esplorare un museo. Precedenti studi avevano già dimostrato l’effetto benefico che queste attività hanno sulla salute mentale e fisica. Prima, però, non era mai stata portata avanti un’indagine che mettesse in relazione la sopravvivenza all’impegno in ambito artistico. I ricercatori dell’UCL hanno deciso così di analizzare i dati dello studio longitudinale inglese sull’invecchiamento (ELSA) per verificare se l’attività artistica e culturale incidesse o meno sulla longevità. E in effetti hanno scoperto che l’arte e la cultura aiutano a vivere più a lungo.

Un rischio di morire inferiore del 14%

Le ricerche sono state svolte sui dati di oltre 6.000 adulti, di età pari o inferiore ai 50 anni, che sono stati monitorati nell’arco di dodici anni all’interno del precedente studio sull’invecchiamento. Si è così scoperto che le persone che si dedicavano ad attività artistiche una o due volte l’anno avevano il 14% in meno di possibilità di morire. Non finisce qui: i soggetti che si concedevano con maggiore frequenza esperienze artistiche o culturali hanno presentato un rischio di morte inferiore del 31%. Percentuali importanti che dimostrano come frequentare il mondo dell’arte, sia come spettatori che come partecipanti attivi, sia uno degli aspetti che aiuta a vivere più a lungo.

Perché?

I ricercatori hanno preso in considerazione fattori sanitari, sociali ed economici per trovare un nesso tra la longevità e la partecipazione al mondo dell’arte. In base alle osservazioni condotte non sono in grado di dare una risposta sicura in merito. Probabilmente, entrano in gioco soprattutto le differenze sociali ed economiche. Altri fattori presi in esame – come la professione, il tempo libero, la salute mentale e le differenze cognitive ­– non sembrano essere rilevanti. Ciò che è sicuro è che frequentare il mondo dell’arte e della cultura consente di vivere più a lungo. E perciò tutti dovrebbero poter godere di questo beneficio.

Leggi anche il nostro articolo sugli effetti benefici dello stress ossidativo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here