Arriva lo smartphone pieghevole di Samsung: costerà più di 1.500 euro

6

Appassionati di smartphone e nuove tecnologie tenetevi forte perché nel 2019 Samsung lancerà sul mercato il suo primo smartphone pieghevole, un oggetto che racchiude in sé i semi di quello che potrebbe diventare lo smartphone del futuro.

Ma andiamo con ordine: Il prototipo di quello che dovrebbe chiamarsi Galaxy X o Galaxy F, è stato presentato durante il primo giorno della Samsung Developer Conference 2018; la conferenza a scadenza annuale con cui Samsung presenta i nuovi prodotti da lanciare sul mercato.

Le specifiche offerte dall’Infinity Flex Display (il display pieghevole) vanno nella direzione di rendere multitasking l’utilizzo degli smartphone; grazie alla possibilità di dividere lo schermo in tre, si potranno utilizzare contemporaneamente altrettante applicazioni. Ma le novità non finiscono qui perché una volta aperto completamente il nuovo Galaxy si trasforma in un tablet dallo schermo di 7,3 pollici.

Per quanto riguarda l’alimentazione di questo nuovo gioiellino tecnologico, Samsung ha dichiarato di volerlo equipaggiare con batterie di ultima generazione, quelle che installa nei suoi prodotti di fascia alta. Per conoscere in maniera dettagliata le caratteristiche tecniche bisognerà aspettare marzo 2019, mese in cui avverrà la presentazione ufficiale del nuovo prodotto. La commercializzazione dovrebbe invece avvenire entro la fine dell’anno prossimo a un prezzo record di oltre 1.500 euro.

Il prezzo elevato lascia intendere che, almeno inizialmente, lo smartphone di Samsung sarà rivolto a una nicchia di mercato; quella occupata dagli appassionati di tecnologia che desiderano testare per primi le novità messe in commercio. Una volta testato il gradimento del nuovo Samsung pieghevole, l’azienda sudcoreana potrebbe incrementare la produzione (inizialmente tarata sul milione di unità) abbassando il prezzo e aprendo di fatto alla commercializzazione su larga scala dedicata al grande pubblico.

Un altro elemento emerso durante la presentazione del prototipo è che la parte software sarà affidata ad Android, come sottolineato dalla presenza delle icone Google sul display mostrato alla Samsung Developer Conference. Le due aziende stanno inoltre collaborando per creare un protocollo con cui guidare gli sviluppatori di smartphone pieghevoli; segno che le aspettative su questo nuovo prodotto sono elevate.

L’idea di creare uno smartphone camaleontico votato alla navigazione multitasking è la sfida che Samsung ha deciso di accettare nel nome dell’innovazione tecnologica. Resta da vedere se i risultati finali saranno in grado di soddisfare le ambizioni dell’azienda sudcoreana; a un primo sguardo gli elementi del successo ci sono tutti.

Andrea Carozzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here