Amore over 50: il sentimento senza tempo

L’amore over 50 non è da sottovalutare. Troppe volte succede che, specialmente le donne over 50, finito un matrimonio o una storia durati tanti anni, si facciano prendere dallo sconforto e, oltre al dolore della separazione, si lascino trascinare dall’idea malsana del “sono troppo vecchia per rifarmi una vita”.

Innanzi tutto, a 50 anni, così come a 80, non si è troppo vecchi privarsi di niente: dallo sport, alla realizzazione di un sogno, a nuova carriera, come testimoniato da molte delle storie pubblicate su Altraetà, “50 is the new black”, frase con cui gli anglosassoni intendono che i 50 anni sono la nuova moda.

Non esiste un’unica stagione nella vita e il mondo è pieno di gente che a 72 anni vince maratone, a 80 ottiene con studio e sacrifici la laurea che sognava da una vita, a 60 mette su la propria impresa: quindi perché non si dovrebbe riuscire a fare qualcosa per cui occorre, per dirlo banalmente, molto meno impegno?

Perché una donna attraente, ma soprattutto interessante, brillante e positiva non dovrebbe avere la possibilità di rifarsi una vita, dopo una relazione finita male?

A spiegarvi il perché invece si può e si deve lasciarsi trasportare dalle fresche ali rigeneratrici dell’amore, è la psicoterapeuta Wally Festini, autrice dei libri “Ricomincio da 50. Storie di donne che hanno superato i fitfy senza soccombere” e “Ricomincio da 60. Idee e suggerimenti per invecchiare meglio”.

La scrittrice spiega che vivere un flirt o innamorarsi dopo i 50 è non solo possibile, ma anche un toccasana per lo spirito e la mente. Bisogna però tenere in considerazione la differenza tra le due condizioni: Flirt e innamoramento non sono parenti prossimi. Il primo è un semplice gioco di seduzione che può restare senza conseguenze, o avere sviluppi di breve durata. Ha a che fare con la curiosità e, in questo senso, ricorda l’adolescenza. Non produce ferite e non finisce mai male. Proprio perché è un gioco, viverlo è sempre bello: a qualsiasi età […] Non è detto che a un flirt non possa far seguito l’innamoramento”.

Incontrare la persona giusta quando non si è più giovanissimi, è un vero e proprio “salto in una beauty farm”: distende le rughe, rimette in circolo gli ormoni addormentati con la menopausa e in gioco i completini intimi un po’ più “selvaggi”, ma soprattutto, libera di molti inconvenienti che possono rovinare le giovani coppie. Carriere, figli, formazione, se ci sono state sono mai questioni assodate, che difficilmente hanno più il potere di dividere una coppia.

Attente alla finzione però, come tutte le cose della vita, l’amore funziona solo se si è sereni con sé stessi. Inutile forzare le cose o le situazioni, tanto come esserne spaventate. Un consiglio importante è quello di non cercare il principe azzurro là dove non c’è: innamorarsi a 50 anni non vuol dire accontentarsi del primo rospo e sperare che si trasformi in principe!