Alla scoperta di Porto Santo, i Caraibi d’Europa

Porto Santo è un’affascinante isola portoghese appartenente all’arcipelago di Madeira. È in pieno oceano Atlantico, vicino al Marocco, ed è una piccola isola dal mare molto caldo (dovuto alle attività vulcaniche sottomarine) e calmo, ideale per chi è alla ricerca del relax.

La sabbia dorata di Porto Santo

Chiamata anche l’Isola d’oro per le sue sabbie fini e dorate che caratterizzano la costa meridionale, è un’isola molto piccola (lunga 10 km e larga 6) e conta 5 mila abitanti.

La spiaggia di Porto Santo è una sola, circonda a sud tutta l’isola ed è lunga 7 km. In gran parte è libera, in altri punti è attrezzata di ombrelloni e lettini per il sole. La costa nord è invece inaccessibile, rocciosa e invasa da forti correnti oceaniche. I mesi più indicati per una vacanza sono da maggio a ottobre, ma siccome gode di temperature miti tutto l’anno, tra i 15 e i 27 gradi, qualunque momento è gradevole.

Nella sabbia e nel mare di Porto Santo è stata riscontrata una notevole quantità di minerali: iodio, magnesio, litio, zinco rame, selenio e calcio. Questi elementi sono stati sfruttati per aprire centri di talassoterapia, in cui curare problemi vascolari, fare fanghi, combattere stanchezza e stress, per convalescenze e per il benessere fisico e mentale.

Porto Santo divenne dimora di Cristoforo Colombo, dove si pensa pianificò il suo viaggio verso la scoperta delle Americhe. Una visita alla Casa di Colombo è d’obbligo, oggi trasformata in museo. A Vila Baleira, il più grande centro abitato, troviamo la chiesa Madre (Igreja Matriz), costruita nel 1430 e saccheggiata nel 1556 dai bucanieri francesi. Vi si possono ammirare splendidi quadri di Martin Conrad e Max Romer. Sempre a Vila Baleira si trovano i maggiori centri come negozi, bar, ristoranti e una modesta vita notturna. Il Municipio di Porto Santo è anche il Palazzo del Consiglio (Paços do Concelho). L’edificio risale al 1600 dove venne anche utilizzato come prigione. Sicuramente da percorrere è il Molo di Cemento, che si protrae in mare per circa 100 metri e fa ammirare viste spettacolari, in particolare di sera. Altre bellezze naturali sono il Pico Castelo, terrazza panoramica a 437 metri, il Miradouro dos Flores, punto panoramico nella parte ovest, l’Altura Pico da Facho, 516 metri. Il Quintas das Palmeiras è un piccolo zoo con acquario: dopo la visita, fermatevi nel suggestivo bar a sorseggiare un buon drink. Per gli amanti del golf, inoltre, c’è un campo a 18 buche.

Si consiglia di girare l’isola noleggiando un mezzo: auto o scooter, oppure andare in taxi.

Per arrivare a Porto Santo è necessaria la carta d’identità valida per l’espatrio. Il fuso orario è di un’ora indietro rispetto l’Italia. Il modo di viaggiare più conveniente è certamente l’aereo. Scegliendo l’opzione volo più hotel (volo charter Neos, diretto da Milano Malpensa), i costi si aggirano su 470 euro a persona in pernottamento e colazione. Hotel consigliato: Praia Dourada Hotel 3 stelle, vicino ai luoghi escursionistici più belli e alle spiagge. Attenzione alle offerte, il tour operator “Logi Travel” evidenzia pacchetti molto convenienti. Mentre, per gli amanti del fai da te, si può scegliere un volo Tap Portugal (10 ore circa) con costi a partire da 340 euro e un aparthotel tipo il Luamar, 4 stelle, in ottima posizione. Il solo pernottamento costa circa 500 euro a coppia, la settimana. I costi dei trasferimenti dall’aeroporto variano, a partire da circa 13 euro a persona.

La cucina dell’isola è improntata sulla tradizione popolare e i suoi piatti sono molto semplici, freschi e genuini. Il merluzzo viene servito in tutti i modi, seguono i frutti di mare, le bistecche di tonno, patate fritte, pane casereccio, burro salato, aglio, banane. Un buon ristorante da consigliare è il Salinas, con vista sull’oceano e costi molto interessanti.

Liliana Salvatore

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here