ADVANTAGE, l’impegno dell’Ue per prevenire la fragilità nei senior

Una delle priorità dell’Europa è lo sviluppo di politiche di active aging che siano in grado di dare risposte concrete alle problematiche relative all’invecchiamento della popolazione. I bassi tassi di natalità e le aspettative di vita sempre più lunghe sono i fenomeni alla base dell’invecchiamento demografico, tendenza già evidente in diversi Stati dell’Unione Europea.

Per fronteggiare questa situazione che caratterizzerà sempre più gli anni a venire, L’Europa si sta attrezzando. Mercoledì 27 novembre a Bruxelles si è tenuta la conferenza finale dell’iniziativa ADVANTAGE, un’azione congiunta europea che coinvolge 22 Stati membri e oltre 34 organizzazioni, cofinanziata dal programma per la salute dell’Unione. Durante l’evento, numerosi speakers si sono succeduti, fra esperti e ricercatori che partecipano allo sviluppo dello studio. Il progetto dell’Ue, attivo dal 2017, è rivolto alla prevenzione della fragilità nelle persone di età avanzata, considerate a rischio di perdita di autonomia.

L’Unione Europea unita nella lotta alla fragilità

I ricercatori coinvolti nei gruppi di lavoro di ADVANTAGE si sono focalizzati sull’analisi della fragilità e della sua gestione in senso sia individuale che di popolazione. Gli studi hanno dimostrato che è possibile individuare i soggetti più vulnerabili grazie ad attività di prevenzione, che, seguite da interventi mirati, possono ritardare o evitare la perdita di indipendenza. La fragilità non è una condizione inevitabile, ma con determinate politiche di intervento e una adeguata assistenza può essere scongiurata.

A oggi le azioni intraprese dagli Stati membri risultano frammentarie e poco coordinate. Le misure nei confronti della fragilità compongono un panorama caotico e frazionato, in cui ogni Stato si amministra senza aver cura di portare avanti un progetto comune, che possa essere condiviso a livello europeo. L’obiettivo finale del progetto non è solo accrescere la consapevolezza sul tema ma soprattutto delineare un quadro di intervento europeo, per creare modelli di assistenza sostenibili che tengano conto del profilo sanitario di ogni Stato membro.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here