Acne: anche in età adulta mina l’autostima e rende difficile il rapporto con gli altri

Per il 49% delle donne intervistate i segni dell’acne tardiva influenzano negativamente le relazioni romantiche. L’energia luminosa fluorescente alternativa ai trattamenti farmacologici.

Con 8 persone su 10 che ne soffrono in un dato momento della propria vita, l’acne è uno dei disturbi cutanei più comuni: raggiunge l’apice durante l’adolescenza, ma può persistere nell’età adulta. L’acne tardiva ha un’incidenza maggiore nella popolazione femminile ed è spesso causa di disagio psicologico e sociale, come confermano in dati di un’indagine realizzata in Italia da Kleresca, azienda attiva in ambito dermatologico.

Nel caso soffrisse di acne, la maggior parte delle donne intervistate (42%) sarebbe più preoccupata dal fastidio o disagio fisico – che nei casi più gravi diventa dolore – ad essa associato. Ma poiché si manifesta anche sul viso, il nostro ‘biglietto da visita‘ per eccellenza, non è da sottovalutare l’impatto sulla sfera emotiva. Secondo una donna su tre (32%), l’acne impatterebbe in maniera negativa sulla propria autostima, mentre il 26% mal sopporterebbe l’idea di essere schiava del trucco correttivo per rendersi ‘presentabile’.

Anche in età adulta l’acne quindi tende a influenzare negativamente la fiducia in sé stessi e il rapporto con gli altri. Oltre la metà delle intervistate (52%) è convinta che l’acne e le sue cicatrici possano rendere più difficili le relazioni interpersonali: un dato che sale al 55% se ci si focalizza sulle giovani donne fino ai 35 anni e al 59% per la fascia 36-45. La sfera romantica non sarebbe esente da insicurezze e il 49% vede nella patologia un ostacolo concreto alle relazioni sentimentali.

“Il pensiero comune è che l’acne, e tutte le problematiche connesse, sia una malattia che rimane circoscritta all’adolescenza”, commenta il dermatologo e dottore di ricerca in biomedicina e scienze immunologiche Matteo Bordignon. “Quando persiste oppure si manifesta per la prima volta dopo i 20 anni, può risultare ancora più difficile da accettare e affrontare, creando grande frustrazione nel paziente e aumentando il rischio di disturbi come ansia sociale e depressione”.

Minore impatto si riscontrerebbe in ambito lavorativo: il 43% delle intervistate non crede che l’acne possa rendere più complicato il rapporto con colleghi o clienti, mentre il 40% pensa l’opposto. Ma le percentuali si ribaltano se si prende in considerazione la fascia fino ai 35 anni: il 39% contro il 44%.  

“Come medico che lavora nel campo della dermatologia e della medicina estetica, aver sofferto di acne mi ha creato difficoltà anche sul piano lavorativo”, testimonia la dottoressa Laura Pauletti, che collabora con cliniche tra Piacenza e Parma. “Mi è capitato di sentirmi a disagio a presentarmi a pazienti che venivano in studio per trovare soluzione ai loro problemi di pelle”.

Per far fronte al problema l’83% delle donne intervistate da Kleresca non indugerebbe a rivolgersi a uno specialista della pelle. Non esiste una causa conclamata dell’acne, ma gli studi più recenti indicano una combinazione di quattro eventi: eccessiva secrezione di sebo, ostruzione dei follicoli o pori, presenza di batteri C. Acnes, e infiammazione.

“Per trattare l’acne abbiamo a disposizione un ventaglio di prodotti farmacologici sia topici sia orali, dai retinoidi agli antimicrobici e antibiotici, tra cui scegliere in base alla gravità e agli specifici sintomi della patologia”, informa il dottor Bordignon. “Oggi ci sono anche alternative ai farmaci, come l’energia luminosa fluorescente, che penetra delicatamente la cute innescando i naturali processi delle sue cellule. Rispetto alle soluzioni tradizionali ha pochissimi e leggeri effetti collaterali, tutti transitori, e può essere effettuata tutto l’anno perché non provoca fotosensibilità”.

L’energia luminosa fluorescente è alla base del Kleresca® Acne Treatment, un trattamento non invasivo che uccide i batteri responsabili dell’acne, riduce l’infiammazione e stimola la produzione di collagene, attenuando le cicatrici dovute all’acne. Il trattamento, che combina l’azione della luce LED a quella dei cromofori presenti in uno speciale gel che viene applicato sulla cute, ha una durata di 9 minuti e il protocollo prevede in genere due sessioni a settimana per sei settimane.

“Da medico sono diventata paziente provando sulla ‘mia pelle’ i benefici dell’energia luminosa fluorescente”, racconta la dottoressa Pauletti. “Già dalle prime sedute i sintomi e i segni dell’acne si sono ridotti. Nelle settimane successive la fine del ciclo ho visto un continuo miglioramento della qualità della , che ho potuto mantenere nei mesi con poche sedute di mantenimento”.

La Redazione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here