A spasso per Lanzarote tra spiagge, vulcani e cultura

Papagayo

Il luogo ideale per una vacanza in ogni stagione è Lanzarote, un mosaico di spiagge immense, paesaggi vulcanici, luoghi caratteristici, grotte superbe. È l’isola più a nord dell’arcipelago delle Canarie, al largo della costa africana e deve il suo nome a Lanzerotto Malocello, un mercante, navigatore ed esploratore della Repubblica di Genova, che la scoprì nel 1312. La superficie di quest’isola è di soli 800 kmq e conta circa 140 mila abitanti. Lanzarote è stata nominata riserva della biosfera dall’Unesco.

Immersa nell’oceano Atlantico e molto vicina alla regione sahariana, di origine vulcanica e con clima desertico, Lanzarote gode di temperature primaverili tutto l’anno, ma che d’estate arrivano anche a 32 gradi; fortunatamente l’aria è resa più fresca dagli Alisei, che soffiano costantemente. Le piogge, nella zona costiera, sono molto scarse e si concentrano tra ottobre e marzo. Nella zona interna, invece, sono più frequenti. Le acque dell’oceano, che circondano l’isola, sono di temperatura molto bassa, per via della corrente sottomarina delle Canarie, che arriva dalle acque del Marocco.

Essendo territorio spagnolo, per raggiungere il posto è sufficiente la carta d’identità. Si consiglia il noleggio di un’auto per scoprire le meraviglie di quest’isola, ma c’è anche un servizio di autobus pubblico urbano effettuato dalla compagnia Reff, che collega quasi tutte le città e l’aeroporto.

A nord dell’isola le grotte sono la principale attrazione. L’eruzione del vulcano della Corona, nel Comune di Haria, circa 5 mila anni fa, ha formato un condotto vulcanico di circa 6 km che termina al mare, lasciando grotte laviche molto grandi e sorprendenti. La Cueva de Los Verdes infonde lo stupore di un’illusione ottica, mentre Jameos del Agua è un capolavoro che traccia il confine tra uomo e natura.

Un tour delle spiagge è d’obbligo: a Lanzarote non ci sono distese di sabbia infinite, ma posti incantevoli con acque limpide. Le più belle a sud: Papagayo, di sabbia fine e dorata, tranquilla ed economica (una strada sterrata conduce al mare, con un costo di 3 euro), Costa del Rubicon, Playa de Afe, Playa de Mujeres, Playa del Pozzo, Playa de la Cera, Caleta del Congrio e Playa de Puerto Muelas che offrono un paesaggio vulcanico tipico. Nella costa settentrionale: Playa de Famara, selvaggia e con paesaggio da favola, paradiso dei surfisti, La Graciosa, piccola isola con acque turchesi, Playa Blanca, di fronte a Fuerteventura, Puerto del Carmen, a sud di Arrecife, capoluogo e centro turistico. In molte spiagge si praticano immersioni.

Da visitare anche i paesi all’interno dell’isola. Haria è una piccola e lussureggiante oasi di case bianche, con gerani e bouganvillee che creano macchie di colore; Teguise, ex capitale con un’antica chiesa e un imponente palazzo del Settecento: la domenica c’è molto fermento per via del mercato (nella parte nord).

Altra attrazione all’interno dell’isola, il Jardin de Cactus, a nord di Arrecife: composto da varie terrazze di pietra, raccoglie una delle più grandi collezioni di cactus del mondo (10 mila piante per 1400 specie). Da visitare anche la capitale Arrecife, dove si trovano numerosi musei, occasioni per fare shopping e una bella spiaggia.

La cucina di Lanzarote offre piatti a base di pesce, e carne di ogni tipo, in particolare di capra. Ottimi anche i formaggi, i legumi, le verdure e altre specialità come il pane di arachidi, le zuppe e i vini. Da provare è il gofio, piatto tipico dell’isola: si tratta di una sorta di polentina morbida a base di farina di cereali tostata.

Consigliato un pacchetto con volo, trasferimenti in hotel e soggiorno all inclusive, fornito da Eden Viaggi: “Sandos Papagayo Beach Resort”, 4 stelle, a partire da 650 euro a persona.

Per arrivare ci sono voli charter da molte città italiane e voli low cost diretti a partire da 30 euro. La durata del volo dall’Italia è di circa 4 ore.

Un buon ristorante con cucina europea, spuntini e bar è l’Alba Dreams, costo a partire da 3 euro (Avenida Las Playas 100, Tias, a sud est dell’isola).

Liliana Salvatore

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here