A spasso per Ferrara tra storia, arte e buona cucina

Ferrara è una città ricca di storia, cultura e tradizioni culinarie: dopo averla visitata, è impossibile non portarsi a casa un ricco patrimonio di ricordi ed emozioni.

Con i suoi 132 mila abitanti, sorge sulle sponde del Po, nella bassa pianura emiliana. Ha conservato intatto nei secoli il periodo dell’età estense, che la trasformò da cittadina medievale a opera rinascimentale. Nel 1995 venne riconosciuta Patrimonio Mondiale dell’Unesco. 

Spesso ricordata come la città in cui ci si muove in bicicletta, passione ma anche uno stile di vita, Ferrara è una città romantica, ideale per chi ama l’arte, la cultura, la storia, la natura e, perché no, la buona cucina.

Vi si arriva in auto con l’Autostrada A13 da Padova per Bologna (circa 1 ora), con l’A1 da Milano (circa 2 ore e 45), con l’E35 da Roma (circa 4 ore e mezza). Si può parcheggiare gratuitamente l’auto all’Ex Mof (via Darsena 140) e raggiungere il centro a piedi con una passeggiata di 15 minuti; negli altri punti ci sono parcheggi a partire da 1,20 euro l’ora. Da Padova, con treno diretto (circa 1 ora) il costo è di circa 7 euro; da Milano, con cambio a Bologna (circa 2 ore) costo a partire da 20 euro; da Roma diretto o con cambio a Bologna (circa 3 ore) costo a partire da 32,5 euro. L’aeroporto più vicino è Bologna, a circa 50 km. Un bus di linea collega le due città in 60 minuti con tre fermate intermedie: il costo di un biglietto di sola andata è di circa 16 euro. I voli low cost da Palermo o Bari impiegano circa 1 ora e trenta minuti, i costi partono da 26 euro (andata e ritorno). Con Flixbus costi a partire da 5 euro, solo andata, gli autobus partono da molte città.

Moderna capitale della cultura italiana, Ferrara vanta un centro storico davvero imponente, con le sue caratteristiche vie medievali, come la via delle Volte, una strada acciottolata lunga circa 2 km, chiamata così per gli archi e i passaggi sospesi. Il punto di partenza per visitarlo al meglio è certamente il castello Estense. Con la sua mole trecentesca, simbolo di potenza e di equilibrio, caratterizzato da ampie sale affrescate, il castello ricorda guerre, gesta, vicende amorose e di corte. La visita comincia attraversando ponti levatoi, prigioni e mostre d’arte. All’interno del castello si trova anche l’Ufficio Informazioni e di accoglienza turistica.

La facciata del duomo di Ferrara

Altra tappa, la cattedrale di San Giorgio Martire, il duomo di Ferrara: costruita in marmo bianco, evidenzia i segni di tutte le epoche trascorse. Il suo campanile rinascimentale, non portato a termine, è un’opera di Leon Battista Alberti.

Il palazzo dei Diamanti, caratterizzato da due particolari facciate in marmo bianco e rosa, ospita esposizioni d’arte temporanee, mentre, al primo piano, si trova la Pinacoteca Nazionale di Ferrara. Attraversando l’arco della Cattedrale troviamo poi il Palazzo Municipale, residenza degli Estensi. La piazza su cui si affaccia è ricca di negozietti e bar caratteristici. Fascino e bellezza, infine, anche nel museo Archeologico Nazionale, dedicato alla civiltà etrusca e alle mura storiche che circondano proprio il centro della città.

Per visitare Ferrara si può considerare l’acquisto della MYFE Ferrara Tourist Card, la carta turistica nominativa che permette di visitare molti musei con un buon risparmio: ha un costo di circa 12 euro per 2 giorni consecutivi, si può acquistare anche nelle biglietterie dei musei.

Veniamo infine alla cucina: nella tradizione culinaria di Ferrara spiccano prima di tutto i cappellacci di zucca, antico piatto che affonda le proprie radici nell’epoca medievale, ma anche le tagliatelle, le lasagne pasticciate, il pasticcio di maccheroni, l’anguilla, la torta tenerina. Tra i ristoranti consigliati, l’Osteria i Quattro Angeli (Piazzetta del Castello 10) con buon rapporto qualità/prezzo.

Consigliato per un ottimo soggiorno: Guest House Delizia Estense (Via Scandiana 5), vicino al centro, costo circa 62 euro per una camera matrimoniale e possibilità di noleggiare biciclette gratuitamente.

Liliana Salvatore

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here