fbpx

A Natale regalo…un intervento

Non c’è crisi che tenga quando si tratta di chirurgia estetica. In Italia è in costante aumento il numero di interventi per migliorare il proprio aspetto e, durante le feste natalizie, cresce ulteriormente. Sì perché c’è sempre chi non sa cosa mettere sotto l’albero al proprio partner, e allora opta per un regalo  pratico, utile e duraturo. Accade, così, che, tra novembre e dicembre, le richieste di ritocchini aumentino del 20%. Il Dott. Vincenzo Geraci, chirurgo plastico, commenta così questi dati: “Le persone  attive e dinamiche pur avendo passato la fatidica e ormai solo psicologica soglia dei cinquanta, desiderano sempre di più  sentirsi bene con se stessi.

Ed è allora che viene in aiuto la chirurgia estetica, proponendo una considerevole gamma di interventi studiati per migliorarne l’aspetto senza però inopportuni “stravolgimenti” dell’immagine. Indagini psicologiche-comportamentali, convergono sull’indicare  l’intervento di chirurgia estetica come uno dei fattori più efficaci nel fronteggiare i fenomeni depressivi o di basso tono dell’umore che spesso si manifestano in questa fascia di età”.

Ma non è l’unico dato interessante: dopo i 50 anni dal chirurgo estetico si va in coppia.

   Potrebbe interessarti anche Gli uomini hanno paura d’invecchiare

È ciò che emerge sondaggi pubblicati dalle maggiori organizzazioni internazionali di Chirurgia estetica come l’ASPS, l’American Society of Plastic Surgeons.

Le coppie si rivolgono al medico per progettare un percorso di bellezza personalizzato, mantenere un aspetto giovane e piacevole e per fortificare il legame.
La maggior parte delle donne, secondo la ricerca, vuole migliorare l’aspetto del proprio decolleté, mentre gli uomini (circa il 30% del totale) scelgono di porre rimedio allo sguardo affaticato e spento correggendo pesantezza palpebrale e borse agli occhi oppure richiedono un intervento di addominoplastica.

   Potrebbe interessarti anche Dott. Geraci: cos’è la blefaroplastica non chirurgica

“Il trend emergente è costituito da metodi sempre meno invasivi – commenta il Dott. Geraci- dove in sostanza le incisioni chirurgiche e conseguenti cicatrici sono molto limitate e i tempi di guarigione e di ripresa della quotidianità sono rapidi . Al lifting tradizionale, per esempio, si affianca il lifting con la sola cicatrice in parte nascosta dall’orecchio, oppure il lifting  senza bisturi del sopracciglio per migliorare lo sguardo e renderlo meno stanco. Si  possono anche  aumentare i volumi del viso o del seno, spesso svuotati, utilizzando il proprio grasso attraverso il “Lipofilling”.

Il celebrato “ritocchino”, quindi, appare molto apprezzato tra gli over 50 dimostrandosi piacevole alla vista, utile per l’umore e poco invasivo.

c.p.

 

 

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social!

Iscriviti alla newsletter

Se ti è piaciuto questo contenuto iscriviti alla Newsletter ed entra a far parte della Community di Altraetà: una volta alla settimana riceverai sulla tua mail una selezione delle migliori notizie sul mondo over 50.

Più letti

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti alla newsletter e rimani sempre aggiornato sul mondo over 50

Utente registrato correttamente!