Consigli di lettura: 3 libri per viaggiare con la fantasia

Rimanere a casa, in questo momento di emergenza sanitaria, è un gesto di responsabilità e senso civico che i cittadini di molti stati sono chiamati a rispettare. Nonostante si capisca l’importanza che l’isolamento riveste in questa situazione straordinaria, ciò non toglie che evitare i contatti sociali e limitare la propria esistenza a casa, impegni inderogabili ed eventualmente lavoro sia un sacrificio per tutti. E allora, se restare fra le mura domestiche pesa e il mondo al di fuori manca sempre di più, rivolgiamoci al meraviglioso mondo dei libri. Un mondo di storie, persone, luoghi da scoprire, che permette di viaggiare ovunque si desideri. Vi proponiamo 3 libri per viaggiare con la fantasia in questi giorni di immobilità forzata.

Le città invisibili – Italo Calvino

Pubblicato nel 1972, Le città invisibili è un libro con una struttura complessa che lascia al lettore la libertà di muoversi a propria discrezione fra le pagine dell’opera. Ognuno dei nove capitoli di cui è composto si apre e si chiude con un dialogo fra Marco Polo e Kublai Khan, imperatore del regno dei Tartari, che chiede all’esploratore veneziano di descrivere le terre in cui ha viaggiato. Polo si trova così a raccontare delle 55 città che ha visitato, ognuna identificata con un nome di donna.

Nelle parole dell’esploratore, la realtà si mischia con la fantasia, le percezioni con le sensazioni, l’ordine con il caos. Ogni città è identificata da una categoria (“le città nascoste”, “le città e la memoria”, “le città e gli occhi”, “le città sottili”, ecc.). Il lettore può scegliere se seguire l’ordine dei capitoli, oppure leggere di seguito tutte le città che appartengono allo stesso gruppo. L’opera diventa un gioco, in cui il lettore può decidere da dove iniziare e dove finire, progettando in autonomia il proprio percorso. Uno stimolo continuo per la fantasia.

Viaggi con Charlie. Alla ricerca dell’America ­– John Steinbeck

Un reportage di viaggio nella migliore tradizione on the road americana. John Steinbeck, negli anni della sua maturità, decide di partire per esplorare gli Stati Uniti, il paese in cui è nato e in cui vive, che però sente di non conoscere a fondo. Parte così alla ricerca dell’anima statunitense, come un pioniere alla conquista del Far West, la cui carrozza si è trasformata in un moderno furgoncino dotato di tutti i comfort.

Per sottolineare la natura quasi rocambolesca del suo viaggio, Steinbeck battezza il suo mezzo di trasporto Ronzinante, come il destriero di Don Chisciotte. A seguirlo in questa avventura, il fedele barboncino Charlie, dall’intelligenza e comprensione quasi umana. Sulla strada, lo scrittore incontrerà e interagirà con diversi personaggi. Con loro affronterà i temi più caldi dell’America del tempo (anni ’60): dalla segregazione razziale alla questione atomica. Un viaggio che è quasi una fuga dal traffico e dal caos turistico, nella profonda provincia e nelle fattorie, che dà vita a un dialogo continuo dell’autore con se stesso.

Isolitudini. Atlante letterario delle isole e dei mari – Massimo Onofri

L’isola, come luogo reale e creatura dell’immaginazione. Massimo Onofri, che insegna Letteratura Italiana Contemporanea all’Università di Sassari, ha progettato questo libro come un vero e proprio atlante di isole reali e immaginarie, prendendole dalle storie di autori classici e contemporanei. Da Edgar Allan Poe a Houllebecq, da Melville a Pirandello, da Swift a Saramago. Isolitudini permette di viaggiare con la mente ogni volta che lo si desidera, alla scoperta di terre e mari, continenti e oceani. Ma nel libro di Onofri non si trovano solo i grandi protagonisti della letteratura: non mancano musicisti come Leonard Cohen e artisti come Marc Chagall. Ogni viaggio, ogni isola, ogni citazione, ogni ricordo risvegliano desideri, nostalgie, sogni. Un libro da leggere secondo i propri tempi ed esigenze, pescando qua e là oppure dedicandovi ore di trasognata concentrazione.

Micol Burighel

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here