10 motivi per cui i single stanno meglio

San Valentino è alle porte e le pubblicità non fanno altro che ricordarci quanto sono più buoni i cioccolatini mangiati insieme e quanto il cielo sia più blu accanto alla propria anima gemella. Tutto molto bello e romantico, ma è davvero così? Chi non è in coppia è destinato all’infelicità? MioDottore, piattaforma leader in Italia e nel mondo specializzata nella prenotazione online di visite mediche, ha indagato nel dettaglio la condizione di uomini e donne single per capire se ci sono vantaggi e benefici nell’essere single. L’esperto coinvolto, il Dottor Argo Penovi, psicologo, ha individuato ben 10 motivi per cui i single stanno meglio.

  1. Più tempo per curare la forma fisica. Quando si è in coppia, il tempo dedicato allo sport e alla palestra si riduce inevitabilmente. E spesso viene sostituito da pasti fuori casa e incontri con gli amici. Le persone single, quindi, risultano più in forma rispetto a chi ha un partner.
  2. Focus sulle proprie passioni. Per seguire le proprie passioni, ci vuole tempo. E quando si è in due, questo diminuisce. E se l’altro membro della coppia non condivide le nostre passioni, è ancora più difficile trovare dei momenti per coltivarle.
  3. Più attenzione per le amicizie. Tempo tempo tempo. Anche in questo caso, se si è soli si è più liberi di dedicare tempo all’amicizia, senza aver bisogno di incastrare i momenti liberi fra gli impegni con il partner e quelli con gli amici.
  4. Gestire lo spazio di casa in libertà. Convivere con una persona può essere stressante, perché è semplice non condividere le abitudini di ordine o disordine in casa. I single non hanno questo problema.
  5. Viaggi più sereni. Da soli si può partire all’improvviso, prendere il primo aereo ed esplorare il mondo senza tanti programmi. In due diventa più difficile, perché i desideri e le esigenze si moltiplicano.
  6. Dedicarsi a sé stessi. Il single, si potrebbe dire, è l’ombelico del mondo: ha tutto il tempo per dedicarsi a sé stesso. A differenza di chi è in coppia, che spesso si attiva molto per il benessere dell’altro, a volte trascurandosi.
  7. Disponibilità economica più ampia. Le coppie spendono molto per regali, cene e sorprese. I single invece possono organizzare in maniera diversa e autonoma il proprio budget.
  8. Nessuna necessità di giustificazioni. Si entra quando si vuole, si esce quando si vuole. E non ci si può sentire in colpa se si torna a casa tardi.
  9. Meno litigi. Non è che i single non litighino però possono evitarsi le discussioni con il proprio partner, che in un rapporto di convivenza sono tutt’altro che rare.
  10. Investire in un progetto. Chi non è in coppia ha più tempo e libertà per dedicarsi totalmente a un progetto o ad un obiettivo. E le soddisfazioni personali aumentano.

I benefici per i 40enni 

Secondo l’esperto di MioDottore, sono sempre di più gli italiani che preferiscono uno stile di vita votato alla libertà individuale. La decade tra i 40 e i 50 anni è un momento in cui chi voleva realizzarsi nel lavoro ha avuto il tempo per farlo, i guadagni tendono a essere cospicui e la coscienza di sé è maturata del tutto. Si aggiunga al tutto una sessualità libera e consapevole.

E i single over 50?

Chi è solo a 50 anni si divide in due categorie: con o senza figli. I secondi vivono la vita con meno ansie ed evitando gli scontri generazionali. In più non rischiano di ritrovarsi in una relazione ormai esausta ma difficile da chiudere del tutto. I primi invece possono vivere in serenità gli affetti di figli e nipoti, mantenendo però un proprio spazio personale per dedicarsi a sé e alle proprie esigenze. Ovviamente la vita di ogni persona è unica e differente dalle altre, ma l’essere single permette di vivere un tipo di autonomia che chi è in coppia non sperimenta.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here