Avere più di 60 anni ha i suoi vantaggi, soprattutto se si viaggia: traguardare questa età significa poter usufruire di una serie di agevolazioni per il trasporto pubblico locale nelle principali città italiane, ma non solo: anche per i viaggi in treno o in aereo ci sono tante possibilità di sconti over 60.

Ecco quali sono le principali offerte riservate ai senior nelle maggiori città italiane. Partiamo dal tpl.

A Milano l’Atm propone una serie di abbonamenti per i senior (che comprendono bus, tram, metropolitana e il tratto urbano di Trenord): per i residenti a Milano (uomini over 65 e donne over 60) si può acquistare l’abbonamento senior “Off Peak” (valido dopo le 9,30 del mattino nei giorni feriali dal lunedì al venerdì e senza limitazioni di orario al sabato e nei giorni festivi). Oppure, c’è l’abbonamento senior ordinario. Nel primo caso, il mensile costa 16 euro, l’annuale 170. Nel caso dell’abbonamento senior ordinario, invece, i prezzi sono 30 euro per il mensile e 300 per l’annuale. Esistono poi gli abbonamenti senior ridotti, che valgono per una fascia di reddito compresa tra 16 mila e 28 mila euro: in questo caso si può acquistare il mensile a 22 euro e l’annuale a 200 euro. Con un Isee inferiore a 16 mila euro, invece, l’abbonamento over 65 è gratuito. Il tutto è ovviamente valido per i residenti a Milano.

Veniamo a Genova. Anche in questo caso l’azienda pubblica locale Amt mette a disposizione l’abbonamento annuale agevolato per i senior, sempre a fronte di un reddito inferiore a un determinato importo: il costo è di 345 euro (invece di 395), è riservato a tutti coloro che hanno più di 65 anni, pensionati, residenti nel Comune di Genova e con un reddito Isee inferiore a 22 mila euro. Questo abbonamento vale su tutta la rete urbana Amt (a esclusione di Volabus, il servizio bus per l’aeroporto) e Trenitalia (in treno in seconda classe da Nervi a Voltri e da Acquasanta a Pontedecimo).

A Roma, per il 2018, l’Atac offre una Card Over 70: si tratta di un’agevolazione riservata ai cittadini ultrasettantenni, residenti a Roma, con un reddito Isee in corso di validità non superiore a 15 mila euro. La Card Over 70 è valida su tutti i mezzi di trasporto gestiti dall’azienda: bus, filobus, tram, metropolitane A, B- B1 e C, ferrovie regionali (Roma – Lido, Roma – Giardinetti e Roma -Civitacastellana – Viterbo) tratto urbano. Esiste anche l’annuale over 65, i cui prezzi cambiano a seconda degli scaglioni di reddito: 120 euro fino a un Isee di 10 mila euro, 130 euro da 10.001 a 15 mila e 150 euro fino a 20 mila euro. Anche in questo caso il titolo di viaggio è valido su tutta la rete Atac.

Anche a Torino Gtt (Gruppo torinese trasporti) offre abbonamenti mensili e annuali agevolati per over 65. Persiste il vincolo del reddito e, come per Milano, le differenze di prezzo variano anche a seconda degli orari in cui si può usare il titolo di viaggio: le tariffe vanno dai 140 ai 217 euro per un annuale agevolato e dai 17 ai 20 euro per il mensile.

Vuoi saperne di più? Clicca qui per leggere il nostro articolo

E per chi viaggia in treno o in aereo?

Trenitalia offre sconti vantaggiosi per viaggiare in treno a chi ha superato i 60 anni d’età. Inoltre, le tessere Carta Freccia Argento e Carta Argento over 60 con validità annuale vengono proposte a un costo di 30 euro e gratis per chi ha compiuto 75 anni di età. Con queste card è possibile ottenere anche sconti del 10% sulla tariffa per i viaggi in cuccetta, del 15% sulla tariffa base per i treni nazionali in prima e in seconda classe, e del 25% sui treni esteri.

Sconti anche da parte di Alitalia: le offerte applicate sulle tratte nazionali sono del 30%, mentre per quelle estere, la riduzione della tariffa è in funzione della località internazionale da raggiungere.

Sconti ma anche detrazioni

Nella nuova Legge di Bilancio 2018, il cui testo è stato definitivamente approvato, vi è un’importante novità: il ritorno di una detrazione fiscale, quella per chi acquista abbonamenti di autobus e treni del tpl, trasporto pubblico locale, regionale e interregionale.

Torna quindi la detraibilità dalle tasse del 19% delle spese sostenute nel corso dell’anno per l’abbonamento trasporti per un importo massimo di spesa pari a 250 euro all’anno.