Per gli svizzeri facoltosi una vita lunga un secolo non è una mera possibilità, ma un’aspettativa. È quanto emerge dalla prima edizione globale di Ubs Investor Watch (che è anche il più ampio sondaggio a livello mondiale presso gli investitori facoltosi), che indaga l’interazione tra ricchezza, salute e longevità. In Svizzera il sondaggio ha coinvolto oltre 400 persone.

Il primo dato che emerge è proprio l’aumento dell’aspettativa di vita: il 68% degli intervistati possono immaginare di vivere fino a 100 anni. «Con il continuo aumento dell’aspettativa di vita − spiega Daniel Kalt, capo economista di Ubs Svizzera − sono sempre più i clienti che con una vita lavorativa di circa 35 anni devono finanziare una pensione di 20, 30 o addirittura 35 anni. Con il salire dell’età subentrano anche costi sanitari e assistenziali notevolmente più ingenti. E tutto questo a fronte di rendite sempre più basse sui mercati dei capitali. Questi sviluppi non solo pongono i sistemi di previdenza statali di fronte a sfide sempre più irrisolvibili, ma richiedono anche una tempestiva pianificazione della previdenza privata fin da oggi».

La longevità influisce dunque sulla pianificazione finanziaria: il 42% del campione ha adeguato o adeguerà il piano finanziario a lungo termine e il 45% ha fatto o farà investimenti a lungo termine.  «Pensare per tempo alla propria pensione consente di integrare obiettivi ed esigenze, ma anche riserve per gli imprevisti in un piano patrimoniale d’investimento su misura», ricorda Kalt.

Per quello che riguarda la tipologia di investimento, il 56% degli intervistati dichiara di aver già investito nel settore sanitario allo scopo di sviluppare un effetto positivo sulla società: «Per molti dei nostri clienti − aggiunge Kalt − è sempre più importante sapere quali effetti hanno i loro investimenti sull’ambiente e sulla società. Nel segmento degli investimenti sostenibili abbiamo oggi varie possibilità di investimento di capitali per sostenere dei miglioramenti in termini sociali e ambientali. Alcuni studi mostrano inoltre che le soluzioni d’investimento sostenibili possono oggi offrire rendimenti pari a portafogli d’investimento tradizionali».