Il direttore di Altraeta, Daniela Boccadoro, ha incontrato Sonia Viale, vicepresidente nonché assessore alla Sanità,  alle Politiche Sociali e alla Sicurezza della Regione Liguria. Nel corso dell’intervista, l’assessore ha parlato di quanto l’istituzione ha previsto per gli “anta” della Liguria, regione con il più alto tasso di senior in Italia, e delle iniziative in corso. Primo punto la prevenzione e l’organizzazione di una domanda di cure sempre più elevata, data l’età media della popolazione.

La Regione si pone l’ambizioso obiettivo di diventare riferimento ed esempio virtuoso di un ottimo sistema sanitario, in grado di gestire emergenze, ma anche di accompagnare i pazienti dopo che hanno lasciato le strutture sanitarie.

Tra i progetti previsti per l’invecchiamento attivo della popolazione, una curiosa iniziativa di inclusione e scambio generazionale, “Nonni a scuola“, che porta i “senior” tra i banchi per insegnare ai giovani il dialetto genovese. Con un duplice intento: coinvolgere le generazioni in momenti comuni ma anche tramandare la cultura antica ai più giovani.

La Liguria, regione con alto tasso di senior, è una regione “privilegiata” per la sperimentazione e implementazioni di iniziative a misura di una popolazione che invecchia. Centro d’eccellenza è l‘Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), che ha sede a Genova e che sta sviluppando innovativi sistemi di riabilitazione e recupero sanitario.
A livello ospedaliero, nella Regione sono sorte alcuni poli di efficienza sanitaria. Sperimentale l’inaugurazione di un padiglione interamente gestito da infermieri. Ne parla l’assessore nel video che segue:

Tenersi in salute più a lungo: è l’obiettivo ambizioso della società d’oggi, che si attrezza con centri di prevenzione medica e cerca di agire anticipando le patologie e seguendone il decorso. Diabete, malattie degenerative e Alzheimer sono alcuni dei punti affrontati nel corso dell’intervista:

(Redazione)