eDreams, agenzia di viaggi online leader in Europa, ha condotto una ricerca coinvolgendo 12 mila viaggiatori di 8 Paesi diversi (Italia, Spagna, Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Portogallo e Svezia) per capire l’importanza che la cucina locale riveste nella scelta di un viaggio: il 63% degli italiani considera le tradizioni culinarie uno dei fattori chiave nella scelta della meta delle proprie vacanze e privilegia per il 43% lo street food per conoscere le peculiarità dei prodotti tipici e l’autenticità della produzione locale.

I viaggiatori gourmet italiani per i loro tour culinari preferiscono per il 68% proprio la cucina italiana, che grazie alla vastità dei prodotti tipici delle sue regioni si aggiudica il primato di cucina con il più ampio patrimonio gastronomico al mondo. Il 36% degli abitanti del Bel Paese prova sempre la cucina locale durante i propri viaggi, prendendo parte a festival enogastronomici e sperimentano il cibo proposto negli street food e nei mercati.

E se la cucina nostrana rimane la prediletta per un tour culinario, gli italiani, estimatori del buon cibo, si dimostrano avventurosi nello scoprire altre tradizioni gastronomiche e hanno manifestato il desiderio di assaggiare cibi nuovi e dai sapori strani. La cucina di Bangkok incuriosisce il 26% degli italiani, con le sue bancarelle e i carretti con le ruote diffusi in tutta la città dove, a quanto pare, si trova il miglior cibo thailandese: carne, pesce e riso gli ingredienti più importanti, ma anche insetti e vermi fritti che i locali accompagnano con una buona birra per risaltarne il sapore salato.

Chissà che il prossimo anno queste specialità thaliandesi non arrivino anche negli street food italiani, che si sono affermati in questo 2017 come una delle maggiori tendenze enogastronomiche e che permettono non solo di assaggiare i prodotti tipici di un Paese, ma anche di conoscere la cultura del suo popolo e di condividere un momento di vera felicità con chi amiamo.

Street food quindi, non solo come pasto consumato in fretta, ma come elemento identitario, un rituale destinato a essere un trend anche per il prossimo anno.