19 in più rispetto al 2015. Sono le Bandiere Arancioni del triennio 2018-2020, che il Touring Club Italiano ha annunciato a Genova, nel corso di una cerimonia a cui hanno partecipato oltre 150 sindaci italiani. 227 i premiati in totale.

Bandiere arancioni, il primo programma di sviluppo e valorizzazione turistica dei borghi in Italia, l’unico dedicato solo ai Comuni con meno di 15 mila abitanti, compie 20 anni. L’iniziativa è nata proprio in Liguria con l’obiettivo di valorizzare maggiormente l’entroterra, il suo paesaggio, la sua storia, cultura e tipicità, per avviare un percorso di miglioramento e crescita economica sostenibile, riconoscendo il ruolo centrale delle comunità locali.

Sviluppatasi poi a livello nazionale, l’iniziativa copre oggi tutta Italia: la Toscana è la regione più arancione, con ben 38 riconoscimenti, seguita da Piemonte (28) e Marche (21). In Liguria le Bandiere arancioni sono 15: Airole, Apricale (foto in apertura), Brugnato, Castelnuovo Magra, Castelvecchio di Rocca Barbena, Dolceacqua, Perinaldo, Pigna, Pignone, Santo Stefano d’Aveto, Sassello, Seborga, Toirano, Triora, Varese Ligure.

Le 19 new entry sono Gressoney Saint Jean in Valle d’Aosta; Agliè, Chiusa di Pesio, Gavi e Ozzano Monferrato in Piemonte; Almenno San Bartolomeo, Bellano, Pizzighettone in Lombardia; Maniago, San Vito al Tagliamento in Friuli; Santa Fiora in Toscana; Frontino e Serra San Quirico nelle Marche. Fara San Martino, Lama dei Peligni e Opi in Abruzzo; Aliano in Basilicata e Oriolo e Taverna in Calabria.

Visita il sito www.bandierearancioni.it per consultare tutti i Comuni premiati

Pensata dal punto di vista del viaggiatore e della sua esperienza di visita, la Bandiera arancione viene assegnata a una località che non solo gode di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio, ma che sa offrire al turista anche un’accoglienza di qualità. 

Il marchio ha una validità temporanea: ogni tre anni i Comuni devono ripresentare la candidatura ed essere sottoposti all’analisi del Touring Club Italiano che verifica la sussistenza degli standard previsti, garantendo così ai viaggiatori un costante monitoraggio della qualità dell’offerta turistica e alle amministrazioni uno stimolo al continuo miglioramento. 

Al termine dell’ultima fase, Touring assegna 227 bandiere arancioni. Sulle oltre 2.800 candidature ricevute in questi 20 anni, solo l’8% ha ottenuto il riconoscimento. Inoltre, attraverso i piani di miglioramento ad hoc, Touring accompagna i territori verso l’innalzamento della qualità dell’offerta: 30 Comuni hanno ricevuto la Bandiera arancione in seconda istanza, dopo aver applicato i suggerimenti ricevuti. 

Portando benefici concreti (+45% di arrivi e +83% di strutture ricettive in media), il riconoscimento supporta un vero e proprio circolo virtuoso del turismo.