Prende il via oggi, lunedì 6 novembre, in tutta la Liguria “Io non mi faccio influenzare”, la campagna antinfluenzale 2017-2018, che terminerà il 31 dicembre – fatto salvo un eventuale prolungamento in caso di necessità – per assicurare la vaccinazione gratuita contro l’influenza agli anziani, ai bambini, agli adulti affetti da malattie croniche e a tutte le persone maggiormente a rischio.

Le Asl liguri hanno acquistato 319 mila dosi a fronte di un investimento di 1 milione e 260 mila euro. «È importante che la popolazione ligure, specie quella anziana particolarmente numerosa − spiega Sonia Viale, assessore regionale alla Sanità − sia informata dell’avvio di questa campagna per il vaccino antinfluenzale che è gratuito dal 65esimo anno di età e anche per una serie di persone considerate maggiormente a rischio come le donne in gravidanza, chi è affetto da patologie croniche o da disabilità o chi opera a stretto contatto con il pubblico, in primis operatori sanitari, veterinari e personale scolastico. A loro rivolgo l’invito di rivolgersi al proprio medico di famiglia o alla propria Asl di competenza per farsi vaccinare contro l’influenza. Questo significa fare prevenzione: troppo spesso vengono sottovalutati i rischi delle complicazioni dei cosiddetti mali di stagione e le ricadute – sottolinea l’assessore alla Sanità – possono diventare critiche per la salute delle persone, oltre che provocare disagi e intasamenti nei pronto soccorso».

In base alle raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il vaccino per la stagione 2017/2018 conterrà una nuova variante antigenica di sottotipo H1N1. Dai dati epidemiologici relativi all’emisfero sud, ove l’epidemia influenzale si è da poco conclusa, è ipotizzabile attendersi un’epidemia di media intensità. Inoltre, come ogni anno, i medici di medicina generale potranno eseguire, se richiesta, anche la vaccinazione per pneumococco, un germe responsabile di polmoniti e meningiti, soprattutto nelle persone più fragili affette da patologie croniche.

«L’anno scorso in Liguria − aggiunge Viale − è stato vaccinato circa il 50% degli over 65enni: un risultato in linea con il resto del Paese ma considerato ancora insufficiente. Per questo motivo la campagna informativa promossa su tutto il nostro territorio punta a sensibilizzare ulteriormente la popolazione per raggiungere una copertura ancora più vasta, in particolare nella popolazione anziana, tra i soggetti considerati a rischio e tra gli operatori sanitari. Inoltre, come già accaduto l’anno scorso grazie ad Alisa e alla collaborazione tra le diverse Asl, anche questa campagna di sensibilizzazione sarà omogenea su tutto il territorio regionale».

Per conoscere tutti i soggetti a cui il vaccino sarà garantito gratuitamente è sufficiente chiedere al proprio medico di famiglia o alla Asl di propria competenza. Sono considerati a rischio i soggetti che abbiano più di 65 anni (nati nel 1953 e anni precedenti), i soggetti di qualunque età affetti da patologie croniche e le donne in gravidanza al secondo e terzo trimestre. Il vaccino è inoltre raccomandato per particolari categorie di lavoratori come gli allevatori a contatto con suini e volatili e per gli operatori sanitari. Per tutti questi soggetti la vaccinazione è offerta gratuitamente.

Sarà possibile inoltre acquistare il vaccino in farmacia. Per effettuare la vaccinazione ci si potrà recare presso gli studi dei medici e pediatri di famiglia aderenti o nelle Asl territorialmente competenti; anche le Rsa si faranno carico di vaccinare i propri assistiti.